O uno o l’altro
18 September 2012 alle 23:12

O la libertà di parola è un diritto sancito dal primo emendamento o non lo è. Il presidente Obama vuole criminalizzare chiunque pronunci parole negative contro la fede mussulmana. I fanatici mussulmani, d’altro canto, sono in guerra con i non-mussulmani e vogliono ammazzare tutti quelli che si rifiutano di convertirsi e non credono incondizionatamente alla loro fede. I fatti sono davanti agli occhi di tutti e il parallelo è dolorosamente ovvio: oggi assistiamo esattamente alla stessa contraddizione che esisteva fra l’ideologia nazista e il mondo libero negli anni ’30, eppure alcuni non vogliono vederlo. La sinistra politica, desiderosa di ammansire i nazisti, permise a Hitler di credere che avrebbe potuto proseguire con i suoi piani militari di conquista dell’Europa e del mondo. Iniziò così l’orrore della Seconda Guerra Mondiale. Obama, a sinistra, lancia gli stessi messaggi ai fanatici islamisti di destra, preparando così un nuovo disastro sociale. La peste emozionale però non aveva invaso l’America e la Seconda Guerra Mondiale contro i nazisti fu vinta. Ma oggi l’America è infestata dalla peste emozionale e non c’è certezza su come finirà la guerra contro l’ideologia islamista. Per i fanatici islamisti non c’è alcun dubbio sull’impossibilità di conciliare il loro credo e quello dell’Occidente, che vogliono semplicemente distruggere. Il leader del mondo occidentale, Barack Obama, sembra non capire che la peste emozionale di sinistra si è alleata con la peste emozionale di destra e il risultato è il dominio della peste emozionale nel mondo intero. La sua funzione è quella di distruggere la libertà di miliardi di persone nel mondo occidentale stringendo il cappio alla gola della vita umana da destra a sinistra.

C. Konia, 13 settembre 2012


Categoria: Attualità

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *